Il Mensile della Sicurezza

Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Il Mensile della Sicurezza - Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Corte di Cassazione: Datore di Lavoro e Obbligo di Formazione

CORTE DI CASSAZIONE

IL DATORE DI LAVORO DEVE DIMOSTRARE PER ISCRITTO DI AVER OTTEMPERATO ALL’OBBLIGO DI FORMAZIONE, ALL’UOPO COMPILANDO UNO SPECIFICO DOCUMENTO SULLA FORMAZIONE DEL DIPENDENTE

sentenze

Con sentenza n°37312 del 9 settembre 2014, i Giudici Ermellini hanno ribadito il principio secondo cui il datore di lavoro deve documentare per iscritto di aver ottemperato all’obbligo di formazione ex artt. 37 e 55 del D. Lgs. 9 aprile 2008 n°81, contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro.

Nel caso in esame, il datore di lavoro aveva eccepito di non essere obbligato a provare per iscritto la formazione impartita prima dell’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011.

La Corte Suprema ha, però, chiarito che il datore di lavoro è tenuto a dimostrare per tabulas di aver adempiuto a tale obbligo, anche con riferimento alla formazione attuata precedentemente al menzionato Accordo del 21 dicembre 2011.

I Giudici Ermellini hanno evidenziato che l’allegato A), punto 10 del precitato Accordo Stato-Regioni richiama implicitamente il dettato di cui al decreto ministeriale del 16 gennaio 1997 (che, tra l’altro, imponeva al datore di lavoro di conservare in azienda l’attestazione dell’avvenuta formazione) “e i contratti collettivi di lavoro quanto alla formazione obbligatoria del lavoratore e alle relative modalità di esecuzione, laddove dispone che in fase di prima applicazione non sono tenuti a frequentare i corsi di formazione di cui ai punti 4, 5 e 6 i lavoratori, i dirigenti e i preposti che abbiano frequentato corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data di entrata in vigore del presente accordo, rispettosi delle previsioni normative e delle indicazioni previste nei contratti collettivi di lavoro per quanto riguarda durata, contenuti e modalità di svolgimento dei corsi”.

Secondo la Corte, dall’obbligo esistente in capo al datore di lavoro di compilare un documento sulla formazione del dipendente, contenente i riferimenti anagrafici di costui, le ore di formazione dedicate ai rischi e la data della formazione medesima, discende quindi il dovere per lo stesso di provare per iscritto di avere ottemperato alla necessaria formazione.

Autore: Chiara Fischetti - Avvocato presso STUDIO LEGALE CASSANDRO

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*