Il Mensile della Sicurezza

Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Il Mensile della Sicurezza - Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Interpello n.19/2014: 100% di presenza per l’Aggiornamento Coordinatore per la Sicurezza

pscSono stati pubblicati, sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 7 nuovi interpelli in materia di salute e sicurezza del lavoro. Di seguito ci soffermeremo brevemente sul parere della Commissione consultiva in merito l’aggiornamento Coordinatore per la Sicurezza.
Il processo dell’aggiornamento professionale dei coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori non è stato esente in questi anni da dubbi, da richiesta di chiarimenti e da interpretazioni contrastanti. Più volte infatti il Ministero del Lavoro e, in particolare, la Commissione per gli interpelli (art. 12, comma 2, D.Lgs. 81/2008) sono intervenuti sul tema, ad esempio in relazione alla eventuale mancanza dell’aggiornamento dei coordinatori nei tempi previsti dalla normativa.


Il quesito nasce in quanto alcuni Coordinatori che, seguendo quanto indicato anche nel programma di alcuni corsi di aggiornamento (“obbligatoria la frequenza ad almeno il 90% delle ore previste”), potrebbero non aver partecipato a tutte le 40 ore richieste dal D.Lgs. 81/2008.

In particolare, l’istanza di Interpello in oggetto è stata posta dalla Federazione Sindacale Italiana dei tecnici e Coordinatori della Sicurezza (Federcoordinatori) per ricevere chiarimenti da parte della Commissione riguardo il monte ore totali necessarie per il corretto aggiornamento Coordinatore per la Sicurezza.

Sul tema interviene dunque l’interpello n. 19/2014 della Commissione per gli interpelli , con risposta del 6 ottobre 2014, facendo chiarezza sulla differenza tra i corsi di formazione per il conseguimento della qualifica di Coordinatore per la Sicurezza e gli aggiornamenti per mantenere tale qualifica, riportando parte dell’Allegato XIV del Testo Unico in cui è espressamente scritto: “La presenza ai corsi di formazione deve essere garantita almeno nella misura del 90%. […] E’ inoltre previsto l’obbligo di aggiornamento a cadenza quinquennale della durata complessiva di 40 ore, da effettuare anche per mezzo di diversi moduli nell’arco del quinquennio.”

Questa risposta ribadisce quanto già detto nell’ Interpello n. 17/2013 del 19 dicembre 2013 “coloro che non abbiano effettuato l’aggiornamento entro il termine previsto, non potranno esercitare l’ attività di coordinatore, ai sensi dell’art. 98 del decreto in parola, fin quando non avranno completato l’aggiornamento stesso per il monte ore mancante”.

È chiaro quindi che l’aggiornamento deve avvenire a cadenza quinquennale ecoordinatore avere una durata complessiva di 40 ore, da effettuare nell’arco del quinquennio, pena la sospensione del titolo di Coordinatore senza il quale non potrà essere esercitata la professione.

Di seguito l’indirizzo per visualizzare gli Interpelli al sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali:

Interpelli Ministero del Lavoro

 Autore: Diego Fanzaga – Amministratore di SRM Form srl 

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*