Il Mensile della Sicurezza

Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Il Mensile della Sicurezza - Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

QUANDO LA SICUREZZA PASSA PER UNA APP

saw_beepEra prevedibile ed inevitabile che il progresso tecnologico irrompesse anche nel mondo della Sicurezza sul Lavoro, automatizzando e migliorando gran parte di quelle procedure che ogni impresa deve adempiere per ottemperare agli obblighi previsti dal Testo Unico per la Sicurezza (D.Legs 81/08) e dalle sue successive modifiche ed integrazioni; questa innovazione si chiama Safe At Work

Ma cos’è Safe At Work?

Safe At Work, altrimenti definita SAW, è una piattaforma tecnologica, prodotta e gestita dall’omonima società milanese,  che gestisce tramite un avanzato sistema di comunicazione NFC tutte le procedure e le comunicazioni obbligatorie che i datori di lavoro devono attuare per garantire la sicurezza negli ambienti di lavoro per  i dipendenti o i consumatori.

Cercheremo di semplificare un argomento di per se abbastanza complesso, il sistema SAW riesce a “leggere”, tramite la funzione NFC di un qualsiasi cellulare, una serie di microchip (TAG) che le aziende dispongono nei luoghi o sulle attrezzature che sono sensibili di monitoraggio e controllo per il proprio utilizzo, in questo modo il cellulare produce una duplice funzione:

da una parte “informa” il lavoratore dei rischi o delle procedure legate a quello specifico macchinario o quegli ambienti di lavoro, enunciando una serie di contenuti (multimediali) che sono contenuti nella programmazione del microchip specifico

dall’altra monitora e registra tramite la piattaforma cloud a cui si collega, tutti gli utilizzi di uno specifico macchinario o gli accessi in un particolare luogo di lavoro, permettendo quindi al datore di lavoro di verificare chi, quando e per quando tempo è stato in determinato luogo, o ha utilizzano una attrezzatura in grado di produrre rischi

Questo connubio di “informazione” e “monitoraggio” è particolarmente importante perché permette sia di migliorare e certificare i processi di informazione che il datore di lavoro ha l’obbligo di fornire ai lavoratori, sia di automatizzare tutte le procedure di registrazione dei dati che le aziende devono predisporre e che sono richieste in fase di eventuali controlli da parte delle Autorità Competenti.

NFC

Gli utilizzi di SAW non si esauriscono a quanto descritto, sviluppando infatti il prodotto attraverso la tecnologia NFC dei cellulari è possibile infatti utilizzare la fotocamera degli apparecchi mobile per scattare fotografie e registrarle direttamente nella piattaforma per avere riscontri certificati (attività, etc.).

Prendiamo per esempio le attività di sorveglianza e vigilanza notturna, il guardiano notturno dotato di questa tecnologia, potrà verificare gli accessi tramite appositi microchip che saranno disposti in prossimità dei punti da vigilare e contemporaneamente la piattaforma produrrà un report sulla verifica effettuata a cui si potrà allegare una fotografia che certifica (con ora e data registrate) che l’accesso non è stato violato.

Ma gli utilizzi si posso espandere a qualsiasi procedura che le aziende hanno l’obbligo o la volontà di certificare, pensiamo ad esempio alla manutenzione degli estintori, ormai tutte le società sono hanno l’obbligo di tenere un apposito registro per gli estintori, applicando un semplice microchip da qualche decimo di euro la piattaforma produrrà in automatico il registro, o pensiamo ai settori soggetti alla normativa HACCP (bar, ristorazione, alberghiero, industrie alimentari, ecc) tutte le registrazioni dei controlli sui CCP potranno essere automatizzate e registrate limitando così l’intervento fisico degli addetti.

Altro utilizzo importante è sicuramente nell’edilizia o in tutte le società che hanno l’obbligo di utilizzo dei DPI (dispositivi di protezione individuale) come caschetti, scarpe rinforzate, imbragature, ecc. con un semplice microchip applicato alle attrezzature i datori di lavoro seppur non presenti per i controlli potranno verificare che i propri lavoratori utilizzino le protezioni e contemporaneamente i lavoratori certificano e dichiaro l’utilizzo delle stesse.

Sicuramente questa tecnologia rappresenta un importante passo avanti nel settore della sicurezza e della prevenzione sui luoghi di lavoro e non a caso parecchie grandi aziende si sono già dotate di questo sistema, come ad esempio: EXPO 2015, ZARA EXPO, ANM Napoli, ATM, SORGENIA, ASL NAPOLI 2, LONATI, ABB, etc.

Veniamo ora alla parte più dolente e cioè quella dei costi.

La soluzione proposta da SAW è fortunatamente elastica e adattabile alle specifiche esigenze delle aziende, questo ovviamente permette di studiare insieme con l’azienda il livello di funzioni e il numero di procedure che si vogliono gestire tramite la piattaforma, permettendo anche a imprese di dimensioni ridotte di dotarsi di questa tecnologia con un costo di poche centinaia di euro.

Per le grandi aziende che vogliano monitorare e gestire centinaia di accessi, strumenti o dipendenti il conto si fa sicuramente più salato, ma di contro questa tipologia di strumento può rappresentare quanto richiesto per ottenere gli sconti delle tariffe INAIL, agevolando le imprese sul costo del lavoro.

Autore: Matteo Prestini - Amministratore di SFIA srl 

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*