Il Mensile della Sicurezza

Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Il Mensile della Sicurezza - Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

SEMPLIFICAZIONI ALLA FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN AGRICOLTURA

Lavoro-in-agricolturaQuello dell’agricoltura è un settore particolare perché il numero degli addetti e dei lavoratori coinvolti è soggetto a variazioni rilevanti in funzione della stagionalità dei prodotti. Probabilmente solo il settore turistico si avvicina alle percentuali di presenza di lavoratori stagionali del settore primario.
Di questo senza dubbio i sindacati ed i rappresentanti datoriali delle imprese agricole se ne sono accorti, come se ne è accorto il legislatore che anche in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro ha introdotto delle modifiche atte a semplificare e snellire gli adempimenti previsti come obbligatori per la formazione dei lavoratori.

Sicuramente di primaria importanza è la Legge 98/13 (conversione in legge del Decreto del Fare) che prevede successive deliberazioni attuative per la modifica dell’Art 13 del D.Lgs. 81/08 ed il successivo e correlato Decreto Interministeriale del 27 marzo 2013 che modifica le normative in materia formazione ed informazione dei lavoratori sulla sicurezza (art. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08) e lo fa esclusivamente per un determinato tipo di lavoratori, prevedendo che:

-gli obblighi di formazione ed informazione in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro “si considerano assolti mediante consegna al lavoratore di appositi documenti, certificati dalla ASL ovvero dagli enti bilaterali e dagli organismi paritetici del settore agricolo [...] che contengano indicazioni idonee a fornire conoscenze per l’identificazione, la riduzione e la gestione dei rischi nonché a trasferire conoscenze e procedure utili all’acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e all’identificazione e eliminazione, ovvero alla riduzione e gestione, dei rischi in ambiente di lavoro”

Questa importante modifica è valida per:

- tutti i lavoratori stagionali agricoli con un numero uguale o minore di 50 giornate/anno a condizione che svolgano lavorazioni generiche e semplici non richiedenti specifici requisiti professionali;
- i lavoratori occasionali agricoli: pensionati, giovani studenti con meno di 25 anni;
- attività esclusivamente in comuni montani <1.000 abitanti;
- attività agricole con volumi d’affari inferiori o uguali a 20.658 euro di cui 2/3 derivanti dalla vendita di propri prodotti.

In pratica mentre qualsiasi datore di lavoro in Italia è obbligato a formare i propri dipendenti tramite corsi di formazione della durata di 8 h, 12 h o 16 h a seconda del livello di rischio della propria attività, mirati ad addestrarli sulle tematiche della prevenzione e della protezione negli ambienti di lavoro, per i lavoratori di cui all’elenco sovrastante, questo obbligo si considera assolto mediante la distribuzione di uno o più opuscoli vidimati dalle ASL o dalle Parti Sociali, eliminando in pratica qualsiasi verifica ed accertamento in merito all’effettivo recepimento delle nozioni da parte dei lavoratori.

Dalla semplice lettura dei dati INAIL inerenti gli infortuni e le malattie professionali ci si accorge che proprio il settore agricolo sia, secondo solo all’edilizia, uno dei più colpiti per numero di infortuni e di decessi sul lavoro e allora ci chiediamo se queste “semplificazioni” siano proprio necessarie o siano solo frutto di compromesso tra la legalità e le esigenze economiche?
Quello che maggiormente dispiace è che i lavoratori a cui si rivolgono queste leggi siano proprio quelli che già sono meno tutelati, garantiti e rappresentati.

E allora una ultima domanda vorremmo porre alle istituzione e ai rappresentanti dei lavoratori:

La salute, la vita, la sicurezza di un lavoratore di 24 anni che lavora in una comunità montana, valgono meno di quelle di un lavoratore ventottenne che lavora in un grosso comune?

pomodori

 

Autore: Matteo Prestini - Amministratore di SFIA srl 

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*