Il Mensile della Sicurezza

Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Il Mensile della Sicurezza - Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Invio o consegna delle cartelle sanitarie e di rischio dei lavoratori

Businessman Filing InformationQuesto mese vogliamo soffermarci a riflettere in merito alle  modalità di consegna della cartella sanitaria e di rischio del lavoratore, sia al datore di lavoro in caso di cessazione dell’incarico da parte del medico competente, che nel caso di cessazione del rapporto di lavoro da parte del lavoratore. Quelle attualmente in essere e quelle ci auguriamo venissero adottate.

Continua a leggere

Modifiche al decreto 81: nuove regole per la valutazione dei rischi

81L’Italia è tra i paesi fondatori dell’Unione Europea, e questa appartenenza comporta l’obbligo di seguire le direttive che essa emana. Il non recepimento, comporta l’apertura di procedure di infrazione a carico degli Stati membri, ed in questo contesto, il nostro paese al momento ha 102 casi su temi molto diversi, di cui 82 per violazione del diritto dell’Unione e 20 per mancato recepimento di direttive.

Con l’evidente intento di adempiere meglio agli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea, risolvere i contenziosi e evitare le sanzioni, è stata promulgata e pubblicata il 10 novembre in Gazzetta Ufficiale la Legge 30 ottobre 2014 n. 161 “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2013-bis”.

Continua a leggere

Corte di Cassazione: Datore di Lavoro e Obbligo di Formazione

CORTE DI CASSAZIONE

IL DATORE DI LAVORO DEVE DIMOSTRARE PER ISCRITTO DI AVER OTTEMPERATO ALL’OBBLIGO DI FORMAZIONE, ALL’UOPO COMPILANDO UNO SPECIFICO DOCUMENTO SULLA FORMAZIONE DEL DIPENDENTE

sentenze

Con sentenza n°37312 del 9 settembre 2014, i Giudici Ermellini hanno ribadito il principio secondo cui il datore di lavoro deve documentare per iscritto di aver ottemperato all’obbligo di formazione ex artt. 37 e 55 del D. Lgs. 9 aprile 2008 n°81, contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro.

Continua a leggere

Rischio di incendio nei luoghi di lavoro, le informazioni per prevenirlo

incendio8Come è ben noto, in vista delle diverse festività a cui ci stiamo avvicinando, tra cui Capodanno, la produzione delle fabbriche d’artificio è a pieno regime; gli incidenti in questo periodo sono frequenti e spesso con risvolti catastrofici. In queste settimane si intensificano inoltre i controlli da parete degli organi preposti affinché vengano rispettate, da datori di lavoro e lavoratori, le relative norme di sicurezza.

Continua a leggere

Denunciare l’infortunio telematicamente

infortunioNelle premesse della Circolare dell’INAIL n. 34/2013, in cui si forniscono indicazioni circa l’obbligo di utilizzo esclusivo dei servizi telematici Inail per le comunicazioni con le imprese, con particolare riferimento alle denunce di infortunio, di malattia professionale e di silicosi e asbestosi, unitamente alle soluzioni alternative da adottare al verificarsi di disfunzioni di carattere informatico o di ricorso a procedure non ancora telematizzate, si legge chiaramente che:

“In attuazione della determina n.216 del 5 luglio 2012 del Commissario straordinario dell’Istituto, con la quale è stato approvato il programma di progressiva telematizzazione obbligatoria delle denunce, delle istanze e delle dichiarazioni da parte delle imprese, sono stati individuati i servizi per i quali, dal 1° luglio 2013, è prevista l’adozione esclusiva delle modalità telematiche per l’invio all’Inail. Ciò in quanto il d.p.c.m. 22 luglio 2011 ha stabilito che la presentazione di istanze, dichiarazioni, dati e lo scambio di informazioni e documenti, anche a fini statistici, tra le imprese e le amministrazioni pubbliche debba avvenire esclusivamente in via telematica a far data dal 1° luglio 2013. In particolare, i servizi telematici in questione riguardano le denunce di infortunio e di malattia professionale da presentare ai sensi del Testo unico di cui al d.p.r. n. 1124 del 1965”.

Continua a leggere