Il Mensile della Sicurezza

Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Il Mensile della Sicurezza - Quotidiano periodico di approfondimento sulla Sicurezza sul Lavoro

Invio o consegna delle cartelle sanitarie e di rischio dei lavoratori

Businessman Filing InformationQuesto mese vogliamo soffermarci a riflettere in merito alle  modalità di consegna della cartella sanitaria e di rischio del lavoratore, sia al datore di lavoro in caso di cessazione dell’incarico da parte del medico competente, che nel caso di cessazione del rapporto di lavoro da parte del lavoratore. Quelle attualmente in essere e quelle ci auguriamo venissero adottate.

Continua a leggere

Denunciare l’infortunio telematicamente

infortunioNelle premesse della Circolare dell’INAIL n. 34/2013, in cui si forniscono indicazioni circa l’obbligo di utilizzo esclusivo dei servizi telematici Inail per le comunicazioni con le imprese, con particolare riferimento alle denunce di infortunio, di malattia professionale e di silicosi e asbestosi, unitamente alle soluzioni alternative da adottare al verificarsi di disfunzioni di carattere informatico o di ricorso a procedure non ancora telematizzate, si legge chiaramente che:

“In attuazione della determina n.216 del 5 luglio 2012 del Commissario straordinario dell’Istituto, con la quale è stato approvato il programma di progressiva telematizzazione obbligatoria delle denunce, delle istanze e delle dichiarazioni da parte delle imprese, sono stati individuati i servizi per i quali, dal 1° luglio 2013, è prevista l’adozione esclusiva delle modalità telematiche per l’invio all’Inail. Ciò in quanto il d.p.c.m. 22 luglio 2011 ha stabilito che la presentazione di istanze, dichiarazioni, dati e lo scambio di informazioni e documenti, anche a fini statistici, tra le imprese e le amministrazioni pubbliche debba avvenire esclusivamente in via telematica a far data dal 1° luglio 2013. In particolare, i servizi telematici in questione riguardano le denunce di infortunio e di malattia professionale da presentare ai sensi del Testo unico di cui al d.p.r. n. 1124 del 1965”.

Continua a leggere

Le Sette regole vitali per gli autotrasportatori.Vademecum.

AutotrasportiPurtroppo continua a salire il numero degli incidenti che coinvolgono i mezzi pesanti sulle strade.  E’ stato stimasto che i lavoratori la cui attività ha a che fare con la guida di un automezzo hanno un rischio medio di infortunio più elevato rispetto a coloro i quali svolgono un’attività che non prevede spostamenti.

Ricordiamo dunque di seguito il Vademecum che raccoglie una serie di principi salvavita per gli autotrasportatori.

Suva, istituto svizzero per l’assicurazione e la prevenzione degli infortuni, ha pubblicato in questi anni una utile raccolta di regole di sicurezza vitali per una serie di attività lavorative a rischio di infortunio; tra queste troviamo anche quella dell’autotrasportatore.
Il documento di Suva (edizione: aprile 2014) dedicato a questa categoria di lavoratori, dal titolo “ Sette regole vitali per gli autotrasportatori. Vademecum”, non è un semplice susseguirsi di regole da rispettare in quanto per ognuna riporta precisi suggerimenti ed indicazioni pratiche diventando un vero e proprio manuale didattico per il lavoratore.

Continua a leggere

Corte di Cassazione: il distacco di un lavoratore

 

IN CASO DI DISTACCO DI UN LAVORATORE DA UN’IMPRESA AD UN’ALTRA, IL DATORE DI LAVORO È, COMUNQUE, CORRESPONSABILE, QUALORA L’EVENTO SI COLLEGHI CAUSALMENTE ANCHE ALLA SUA COLPOSA OMISSIONE

tribunaleCon sentenza n°30483 del 10 luglio 2014, la Corte di Cassazione ha ribadito il principio, invero già consolidato, secondo cui, in caso di distacco di un lavoratore da un’impresa ad un’altra, il datore di lavoro comunque è corresponsabile qualora l’evento si colleghi causalmente anche alla sua colposa omissione.

Continua a leggere